Giorno 4 “Coronameron”

In questi tempi di reclusione in cui fuori sembra tutto si sgretoli. Piazza affari oggi ha chiuso con il peggior risultato da quando ha aperto nel 1998. La recessione è vicina, una crisi simile a quella del 2008 si prospetta. Nonostante questo il tessuto sociale e la trama delle nostre relazioni ci permettono di alleggerire il peso di questa situazione e di questa solitudine imposta. Non fatico ad immaginare quale istinto di autoconservazione abbia spinto i 10 ragazzi descritti da Boccaccio. Scappare dalla città per scappare dalla malattia (sembra molto Sara, la mia morosa) per poter stare insieme, per far passare il tempo in compagnia. Il Decamerone dei nostri tempi è il nostro telefono. Penso che la scoperta dell’utilità della tecnologia durante l’isolamento sensibilizzi i più al suo lato positivo. La possibilità di interagire a distanza è impagabile. Chiamare mia mamma reclusa da sola e vederla sorridere non ha prezzo. Al pari contattare la mia morosa o le amicizie con una celerità di risposta impensabile prima. E se il vero ruolo della rete per l’umanità fosse proprio la proiezione di una rete sociale, più ampia, più inclusiva come mezzo per la cooperazione di massa? Credo che solo in questi momenti riusciamo a capire le più sfuggevoli sfumature di questa nostra creazione.

Le fake news stamattina terrorizzavano la gente per costringerla a rimanere a casa. Il presidente del consiglio dopo essersi espresso in diretta nazionale ha impressionato i molti. Quei molti che avevano preso sotto gamba la situazione vanificando le precauzioni adottate dai più dotati di buon senso. Così sono partite le iniziative da casa, i video corsi online, le videochiamate e quanto necessario per mantenere stimolata la materia grigia. Lasciarsi andare significa perdere tutto. Io come sempre mi sveglio tra le 7:30 e le 8. Colazione abbondante. Studio. Svago. Esercizio. Quasi come dietro i miei gesti e quelli di molti ci fosse vita. Muori quando smetti di vivere. Non il contrario.

P.S.: Gli striscioni aumentano in numero, considerevolmente. TUTTO ANDRÀ BENE ITALIA.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...