Giorno 22 “Oceano mare fulmi e tempeste”

Fiori d’arancio e lillà spighe di grano s’innalza lieve e sparsa la polvere, io non curante le volo nel mezzo, dritto dritto, non distinguo i colori, non importa ora; uno shock, d’improvviso, abbagliato; come naufrago nel deserto alla vista del miragio non posso che cambiare traiettoria, lucente e succulento cuore il tuo colore, riaccende i miei sensi ed io inebetito ne sono attratto all’infinito, mi precipito in te, nel profondo, sempre più a fondo, una lussuria, lucente piacere di cui non posso fare a meno; lascio un pò di me in te un goccio dolce di saliva e spanderò un pò di te nella mia tana e per il mio mondo; gocce d’essenza di cui sono colmo incimpano e senza tonfo ma con sordo rumore si dissolvono sulla la camicia che è a terra; la camicia chè a terra ed io sopra e lei sopra di me, gemendo un sisma e tutto trema e tutto tace un momento dopo, tutto è fermo ed assordante; il sole alto ci avvolge lo vedo dall’ombra e sento la pelle dolce che si bagna e lecco questo nettare tra le sue gambe sulla stoffa in ogni parte; nell’impeto della creazione tuona un lampo e sbarbella la luce, sbotta e scoppia, tanto bello quanto truce, schizza la vita e giacio esanime, sacrificato, disgiunto, m’affosso tra le crepe della siccità e colo a picco; mi divido, mi ricompongo salto dal trampolino bianco secolare verso il turchese del mare dolce e mi espando, cavalco la superficie, m’increspo incaponito di giungere alla riva, tento e ritento, increspo e reincrespo sempre meno, sempre più debole, sempre più stanco; m’abbandono tra le altre compagne che come me han provato ; assisto alle prove di vigorose altre che falliscono inesorabilmente; Ora non son più solo ora siamo uguali assieme, tutti della stessa specie; finchè non attraversiamo scoppiando tra le rocce ed effervescenti saltiamo e schizziamo giocando ad esser morbidi e freschi lapilli che cadono da un vulcano; e corriamo corriamo veloci, gareggiamo tra noi; di colpo un placido tepore mi solleva mi snellisce dopo aver conosciuto gravità ora tutto è al contrario, o meglio, sono io che cado in alto vittima delle correnti che dominano questo spazio tanto vasto; vedo le stelle vedo altre sorelle che hanno altra forma altro colore; inesorabilmente ne vengo inglobata e loro non curanti della mia resistenza mi stringono schiacciano spingono prepotenti; che rabbia e violenza che suscitano in me, e nelle altre siamo tutte vittime e carnefici quissù; all’improviso mi sento piena di nuova vita, carica di forza, rifocillata e allora spingo sposto schiaccio più forte e più son forte io più sono forti questi miei vicini; urlo e corro mi vedranno dallo spazio e sentiranno dalla terra questo sopruso deve finire; una fitta gelida mi immobilizza rimango ferma mi sento pesante sempre più, le stelle si allontanano ed io mi precipito terrorizzato e da qua amezz’aria nonostante ci sia poca luce lo spettacolo è maestoso ed io non vorrei che continuare a fare ciò che ho fatto fin’ora per poter gustare un simile paesaggio, ancora e ancora; tanti sforzi per così tanto tempo vengono ripagati in questi brevi momenti dorati, mi basta poco.

Pubblicità

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...