Giorno 87 “Il romanzo e la verità”

Oggi è iniziate la fase 3 ed io non me ne sono nemmeno accorto. Non è di fatto cambiato nulla nella mia quotidianità. L’INPS che sembra l’esempio di Achille e la tartaruga nell’erogazione della cassa integrazione (ma quello da sempre, non è un evento raro questo). Sembra mio nonno quando cerca di mettere giù la chiamata, schiaccia il tasto sbagliato, ne prova un altro, sempre sbagliato, si arrabbia, ne schiaccia tantissimi inspiegabilmente tutti sbagliati, metto giù io. Dovremo andare a prenderla noi quella cassa integrazione se non vorremo vederla accreditata alla pensione. Capito la battuta? La gente può spostarsi oltre la regione senza autocertificazione e senza pensieri canticchiando, vedere i propri amici che non sono congiunti ma quella via di mezzo abbastanza equivoca da non poterli definire (vogliamo più diritti per gli amici di fatto! Protesteremo in piazza a breve), potrà andare a bere il caffè stando seduti al bar e bere la sera senza farsi tanti problemi. Ma non era così già dall’inizio della fase 2? Si ma non proprio, cioè forse, bo. Si può scaricare un applicazione molto utile che i no vax, no tax, no sax non aspettavano altro per poterla dipingere come nuovo figlio del demonio e il problema vero per me è che mia mamma fa parte di questi. Quindi in realtà tutto sommato non è effettivamente cambiato molto. Bolsonaro in tutto questo non fa retro marcia anzi si eleva a paladino della cinicità, super eroe capitalista e paladino dei più forti che sfruttano il sud america e i sud americani pronunciando una frase degna da premio Nobel per la medicina: “Mi dispiace per tutti i morti ma è la fine per tutti noi“. Miticamente fantastico oserei dire. Avrà certamente distrutto l’immaginazione di molti bambini. Per davvero però nelle favelas. La mia idea su Trump non è cambiata nemmeno lei, anzi si è solo rafforzata. Mi chiedo, come fa un personaggio del genere a comandare il paese più potente al mondo, l’unica spiegazione è che è pieno di imbecilli. “Signor presidente dilagano le manifestazioni contro il potere eccessivo che hanno le forze dell’ordine nel nostro paese e la causa scatenante è l’uccisione di un nero.” “Schierate l’esercito e usate la forza per reprimerle, però mi raccomando senza fare differenze, cattivi con tutti. E anche questa è risolta, cos’altro da fare oggi? Ah si qualche tassa alle merci cinesi e l’accusa di imperialismo.” Direi mitico, un genio. Premio Nobel per la pace mi sembra il minimo così non è geloso del suo amico Jair Messias. Altro paradosso della fase 3 volete sentirlo? Che poi in realtà non è una novità, si tratta del periodo di sfiga di un individuo che si estende a molti individui indistintamente e viene denominato fase 3. Per chi ama viaggiare i biglietti degli aerei costano meno per ora e per qualche mese a venire poi chiaramente impenneranno a perdita d’occhio. Il problema è proprio avere i soldi per poter viaggiare. Ammesso e concesso che qualcuno li abbia, dove cavolo vuole andare che in Italia c’è chi rifiuta i lombardi, piemontesi, forse un pò meno i veneti perchè fortemente colpite dal virus e non accettano le prenotazioni, chi altri rifiuta quelli del sud perchè non aspettava altro per sfogare il suo razzismo leghista sotto spoglie virulente, quelli dell’Italia centrale che odiano un pò tutti gli altri e gli rode il dito governativo che li ha costretti a sistemare ombrelloni e lettini da spiaggia nella maniera meno produttiva e più prostatica possibile. Se poi si decide di andare all’estero anche li si è bloccati perchè siamo divenuti i cinesi d’Europa e nessuno ci vuole. Inoltre anche se si qualcuno ci volesse, gli spagnoli per esempio che sono messi peggio di noi, chi ci vorrebbe andare a rischiarla più che qua. Gli altri pochi ammesso che accettino il viaggiatore chissà non lo sottopangano a quarantena preventiva una volta arrivato. Quindi si può viaggiare a prezzi vantagiosissimi per tutta l’estate è vero è preparatevi a scattare foto dall’alto, e solo dall’alto, molto alto. Vorrei inoltre comparare questa fase 3 con l’omologa svedese che, diamine, mi spiazza. Questi nordici sono pazzi davvero e da un lato mi piacciono mentre da un’altro (molto più ampio) li manderei tutti a cagare. Chiusi nei loro castelli di depressione e nelle loro economie solide basate sul mercato interno perchè il rischio della globalizzazione è peggiore di un figlio con un nome pronunciabile o serrati in cantina a bere acqua con vitamine alternata a birra indossando treccine bionde e immaginando di veleggiare nel mare della disperazione con drakar. La Svezia magicamente si è resa conto che tenere tutto aperto è stata una pessima idea. Ammetto che l’esternazione e la pseudo ammenda del virologo Tegnell è encomiabile, però cavolo non servono delle lauree per capire che una particella dannosa molto molto piccola e difficilmente isolabile ed annientabile preventivamente che si trasmette tramite contatto si interrompe fermando proprio i contatti o almeno limitandoli. A lui, per non lasciarlo a mano vuote, darei un bel premio Nobel per la fisica. Ma per aver capito che è uno stronzo, nell’accezione fisica del termine. Nonostante questo per i più pessimisti c’è una bellissima notizia: l’estate aumenta le difese immunitarie. Effettivamente la vitamina D che il corpo sintetizza solamente a seguito di esposizione a luce solare, migliora l’efficenza dei globuli bianca, allevia lo stress diminuendo il cortisolo e ha come effeto collaterlare pure la tintarella, va te che bel. Per chi non ama molto le sedute solari al mare ci sono le passeggiate nella natura abbracciando alberi, per non più di 5 minuti però, questo non ho capito molto bene perchè, penso che per più tempo gli alberi si infastidiscono. In sostanza comunque che siano 5 minuti attaccati ad un albero o sotto il sole l’estate ci aiuterà ad essere più positivi. Poi saranno sti ca*** quest’autunno vedrete voi. Con Gallera e Fontana poi ne avremo delle belle noi lombardi, però sembra che qualcosa si stia muovendo ed in molti si sono accorti che mettere malati di una malattia che colpisce e uccide soprattutto vecchi in case di riposo non è stata una mossa molto furba. Io spero tanto che il karma giri anche per loro. Perchè fortunati ad arrivare dove sono e al tempo stesso tanto idioti da non accorgersi che di competenza non ne hanno e forse nemmeno di conoscenze. A loro direi premio Nobel per l’economia. Hanno fatto chiaramente economia sbloccando molte eredità, moltissime, più di quelle che avrebbero sbloccato senza fare nulla.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...